Get Adobe Flash player

Chi Siamo

L’Automobile Club di Vercelli è un Ente pubblico non economico senza scopo di lucro, a base associativa, riunito in Federazione con l’ACI.

E’ riconosciuto – con i D.P.R. 16 giugno 1977, n. 665, e 1° aprile 1978, n. 244, emanati in attuazione della legge n. 70/75 – “ente necessario ai fini dello sviluppo economico, civile, culturale e democratico del Paese” ed inserito nella stessa categoria di “enti preposti a servizi di pubblico interesse” in cui la citata legge n. 70/75 ha compreso l’ACI.

L’Automobile Club è rappresentativo, nell’ambito della circoscrizione territoriale di propria competenza, di interessi generali in campo automobilistico, e – ai sensi dell’art. 38 dello Statuto ACI – svolge, nella propria circoscrizione ed in armonia con le direttive dell’Ente federante, le attività che rientrano nei fini istituzionali dell’ACI stesso (art.4 Statuto), presidiando sul territorio, a favore della collettività e delle Istituzioni, i molteplici versanti della mobilità.

Tenuto conto dell’omogeneità degli scopi istituzionali, pur essendo Ente autonomo con propri Organi, un proprio patrimonio, un proprio bilancio e proprio personale, è legato all’ACI dal vincolo federativo, che si estrinseca attraverso:

–  la partecipazione del Presidente dell’ AC all’Assemblea dell’ACI;
–  l’approvazione da parte degli Organi dell’ACI sia del bilancio preventivo e del conto consuntivo dell’AC che del Regolamento elettorale;
–  il potere dell’Ente federante di definire indirizzi ed obiettivi dell’attività dell’intera Federazione;
–  le modalità di pianificazione delle attività dell’AC, che prevedono che il Comitato Esecutivo dell’ACI verifichi la coerenza dei programmi/obiettivi definiti annualmente dal Consiglio Direttivo dell’AC con gli indirizzi strategici della Federazione;
–  il ruolo di raccordo svolto dal Direttore dell’AC, come di seguito più ampiamente illustrato

Nel quadro di questo assetto federativo, l’AC è posto sotto la vigilanza del Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo; è inoltre assoggettato al controllo della Corte dei Conti.

Sono Organi dell’AC: l’Assemblea dei Soci, il Presidente e il Consiglio Direttivo.

Il controllo generale dell’amministrazione è affidato ad un Collegio dei Revisori dei Conti composto da tre revisori effettivi e un supplente.

La struttura organizzativa dell’AC prevede, ai vertici dell’amministrazione, la figura del Direttore dell’Ente.

Il Direttore, ai sensi dello Statuto, è funzionario appartenente ai ruoli organici dell’ACI, con qualifica non dirigenziale ed è nominato dal Segretario Generale dell’ACI, sentito il Presidente dell’AC.

Il Direttore assicura la corretta gestione tecnico-amministrativa dell’AC, in coerenza con le disposizioni normative e con gli indirizzi ed i programmi definiti dagli Organi dell’ACI in qualità di Federazione degli stessi AC.

In particolare, nell’ambito della propria competenza territoriale, il Direttore garantisce, sulla base degli indirizzi strategici definiti dagli Organi, delle direttive del Segretario Generale e delle linee di coordinamento del Direttore Regionale – il cui ruolo è di seguito descritto – la puntuale attuazione degli indirizzi strategici, dei programmi, degli obiettivi e dei piani di attività in materia dei servizi e prestazioni rese dalla Federazione ai Soci ed agli automobilisti in genere, ed assicura il rispetto degli accordi di collaborazione posti in essere nell’interesse della Federazione stessa. Il Direttore garantisce, inoltre, l’attuazione degli ulteriori programmi definiti dal Consiglio Direttivo dell’AC.

L’AC partecipa a livello regionale al Comitato Regionale, composto dai Presidenti degli Automobile Club della Regione Piemonte che cura i rapporti con la stessa Regione ed ha competenza esclusiva per tutte le iniziative di valenza regionale in materia di sicurezza ed educazione stradale, mobilità, trasporto pubblico locale, turismo e sport automobilistico. Le funzioni di segretario del Comitato Regionale sono assolte dal Direttore Regionale, figura prevista dall’Ordinamento dell’ACI.

Il Direttore Regionale svolge funzioni di raccordo tra gli AC della Regione e le Strutture Centrali dell’ACI, di coordinamento degli AC nella regione di competenza nonché di attuazione e gestione di obiettivi, priorità, piani, programmi e direttive generali definiti dal Comitato Regionale. In tale ambito svolge il ruolo primario di interlocutore con le Pubbliche Amministrazioni operanti sul territorio per le materie di competenza.

Al fine di assicurare la massima capillarità sul territorio dei servizi resi e venire incontro alle esigenze dell’utenza, l’Automobile Club offre assistenza ai propri Soci, e agli automobilisti in generale, attraverso la rete delle proprie delegazioni dirette e indirette
(queste ultime sono studi di consulenza automobilistica disciplinate dalla L.264/91, appositamente convenzionate con lo stesso AC, che erogano servizi di assistenza con utilizzo del Marchio sotto precise condizioni di impiego e funzionamento e secondo
standard predefiniti).

Per il perseguimento dei propri fini istituzionali, l’AC si avvale inoltre di società strumentali collegate, che curano, per conto ed al servizio dell’AC, la gestione di attività e/o servizi interni o esterni e l’erogazione di prestazioni ai soci ed gli automobilisti in generale.

Organi di indirizzo politico – amministrativo

Presidente:

  • Eugenio Castelli

Consiglieri:

  • Fragonara Angelo (vice Presidente)
  • Gorini Gabriella
  • Greppi Gian Luigi
  • Marcello Pamparana

Collegio Revisori:

  • Motti Giancarlo ( Presidente)
  • Ricciardiello Marco
  • Cestari Nadia (effettivo ministeriale)
  • Roberto Masini (supplente ministeriale)

Direttore:

  • Ingenito Emilio

Responsabile Segreteria, Affari Generali e Ragioneria:

  • Lorenza Crosio

Ufficio Soci, Tasse Automobilistiche e Ufficio sportivo Ufficio Assistenza:

  • Elisabetta Guglielmotti